CUSTODI DI GUERRA

by Zijad Ibrahimovic

Digital Betacam, colore-b/n, 52’, 2009

coproduzione con RSI-Radiotelevisione svizzera

versione originale: italiano

sottotitoli: inglese

Premi: Silver Eye Award 2009 Nomination. Festivals: Locarno Film Festival 2009, Jihlava International Documentary Film Festival 2009, IDFA, Docs for sale, FIPATEL Biarritz, Solothurn Film Festival 2010, Cinéma du reel Paris 2010, First Film Competition

Un uomo torna al suo paese per un funerale: hanno trovato i genitori in una fossa comune. Tornare dopo vent’anni significa cercare delle risposte. La guerra però non lascia risposte, lascia domande. La casa dalla quale era partito è stata vissuta da altri, poi è stata abbandonata. Porta sui muri i segni della violenza e del ricordo. Osservandone gli spazi l’uomo cerca il senso degli eventi. I ricordi si sovrappongono alle immagini logorate di una vecchia videocassetta: la quotidianità di un paese che non avrebbe mai immaginato la guerra. A modo suo l’uomo si ritrova ad interrogarsi sul significato di parole come casa, origine, fuga, guerra, esilio, futuro, pace. Per scoprire che “forse l’unica verità è che il paese non si è spostato, è rimasto ad aspettarmi, senza fretta. È come se sapeva che prima o poi ci sarei tornato. A farci i conti.“