GLAUSER

by Christoph Kühn

HD, colore-b/n, 75’, 2011

coproduzione con SRF-Schweizer Radio und Fernsehen, SRG SSR

versione originale: tedesco, svizzero tedesco / altre versioni: italiano

Festival selections: Premiere Locarno Film Festival 2011 - Official Selection

Münsingen. La notte è tranquilla e nera. Friedrich Glauser, lo scrittore legionario, dadaista e morfinomane, traccia il bilancio di una vita fallimentare. Lampi di memoria gli richiamano alla mente l’infanzia a Vienna, il padre, che non lo capiva, la madre, che morì quando lui aveva 4 anni e per la quale il suo amore è rimasto intatto. Come bolle iridescenti appaiono momenti del passato, crescono, crescono e non vogliono scoppiare. La scrittura è la sua magia bianca, con la quale erige un ponte tra il manicomio e il mondo, traducendoli in racconti e soprattutto in romanzi polizieschi. Nella persona del sergente Studer, egli crea una figura paterna positiva, che lo renderà famoso. Riacquistata la libertà, Glauser fugge dalla Svizzera per condurre con la sua compagna Berthe Bendel una vita inquieta e movimentata tra l’Atlantico e il Mediterraneo. Ma più si allontana con il desiderio di crearsi una nuova esistenza, più il proprio passato ritorna, crudele e spietato. Muore a 42 anni, un giorno prima delle sue nozze.